Pesticide Action Network - Italia

Lettera ai parlamentari italiani

Fabio Taffetani

Giorni decisivi per il futuro del Glifosato in Europa. Dati scientifici contro documenti secretati. La posizione di Pan-Italia.

In una lettera ai parlamentari italiani, il presidente di Pan-Italia Fabio Taffetani porta l'attenzione sul dibattito al Parlamento europeo, martedì 13 giugno, per discutere la nuova autorizzazione di Glifosato, e mercoledì 14 per votare sul divieto proposto dalla Commissione sull'uso dei pesticidi in ambiti ecologici (EFA).
Cari deputati,

come sapete, il Parlamento europeo terrà una sessione plenaria tra il 12 e il 15 giugno a Strasburgo, che ospiterà un dibattito martedì 13 giugno per discutere la nuova autorizzazione di Glifosato e il mercoledì 14 per votare sul divieto proposto dalla Commissione sull'uso dei pesticidi in ambiti ecologici (EFA).

Potete trovare le domande sul Glifosato che saranno poste martedì 13 presso il sito del parlamento europeo a questo link. La Commissione sarà presente al dibattito per rispondere.

La situazione attuale è che l'ECHA ha completato la sua valutazione e, allo stesso modo, l'EFSA ha valutato il glifosato non cancerogeno per gli esseri umani (sulla base non di dati di ricerca, ma di memorie secretate delle ditte produttrici). Stiamo aspettando che ECHA trasmetta il suo parere alla Commissione, la quale ha dichiarato che intende proporre il rinnovo dell'autorizzazione del glifosato per altri dieci anni!

Ma nel frattempo un caso di San Francisco contro Monsanto da parte degli agricoltori che avevano sviluppato il cancro ha determinato quello che ora è noto come "Monsanto Papers", una raccolta di email e documenti interni che rivelano come Monsanto ha falsificato alcuni dei suoi articoli scientifici. Questo è stato incluso anche nella relazione sulla scienza a pagamento.

Ciò ha naturalmente sollevato preoccupazioni circa l'obiettività della valutazione del glifosato nell'UE e altri scandali sono venuti alla luce. A esempio, come uno studio cruciale dove i topi avevano sviluppato il cancro è stato respinto perché solo dopo è stato riferito che questi topi avevano un virus. Poi il dottor Portier, che aveva la possibilità di esaminare i dati grezzi degli studi di tossicità sui roditori, ha trovato 8 tumori che non erano stati riportati dalla valutazione della Commissione.

L'Italia è il paese che paga i danni e ha le ripercussioni più gravi di tutti i paesi europei (sulla salute e per le ripercussioni ambientali) a causa dell'abuso di pesticidi e del glifosato in particolare: AMPA (l'acido metabolico del glifosato) e glifosato stesso sono infatti gli inquinanti più frequenti ed a più alta concentrazione sulle acque superficiali (ISPRA 2008-2017), numerosi parlamentari europei si sono sottoposti tempo fa alla misurazione dei residui nelle urine (nessuno ne è risultato esente), così pure di recente 14 mamme romane in attesa di un bambino hanno registrato tutte la presenza di percentuali insolitamente alte di glifosato.

I cittadini italiani sono ormai consapevoli delle coperture della politica verso gli interessi dell'industria (italiana e internazionale) agro-alimentare e chimico-farmaceutica, crediamo che non potranno tollerare ulteriormente che dei loro rappresentanti al Parlamento Europeo possano prendere una posizione diversa da quella di difesa della salute dei cittadini e della biodiversità ambientale!

Personalmente ho raccolto un recente dossier (primavera 2017) sull'uso scandaloso del diserbo chimico da parte di ANAS sui margini erbosi delle principali vie di comunicazione. Posso inviare il documento a quanti sono interessati a conoscere gli effetti di tale pratica, non solo inutile, ma dannosa e decisamente antieconomica, oltre che falsamente proposta a tutela della sicurezza degli operatori.

Il Presidente di PAN-Italia
Fabio Taffetani