Pesticide Action Network - Italia

Uso sostenibile dei prodotti fitosanitari in agricoltura

Agricoltore

La Cia ha partecipato al convegno organizzato a Roma dal Cnr sul Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari in agricoltura.

Questo importante strumento per le imprese non deve caricare gli agricoltori di nuovi costi e ulteriori adempimenti amministrativi.
L'attuazione del Piano non è in opposizione al ritiro dal mercato di fitofarmaci per i quali venga dimostrato che possono essere causa di situazioni di rischio.
C'è bisogno oggi di un collegamento sempre più stretto tra gli agricoltori e la ricerca scientifica, finalizzato a una maggiore sostenibilità ambientale ma anche economica delle produzioni agricole.
In questo contesto, il Piano di Azione Nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari può essere un importante veicolo per diffondere nelle imprese del settore primario pratiche colturali sempre più innovative in un'ottica di qualità, sicurezza e appunto sostenibilità.
Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, dopo aver partecipato al convegno sul tema organizzato dal Cnr in collaborazione con i ministeri delle Politiche agricole, dell'Ambiente e della Salute. Il PAN Fitofarmaci riguarda tutti gli agricoltori, in produzione convenzionale, integrata e biologica; è proprio la vastità di questa platea che può permettere il raggiungimento di risultati apprezzabili su larga scala.
Il PAN Fitofarmaci non va, quindi, valutato esclusivamente in funzione di un passaggio delle imprese agricole alla produzione biologica: tale passaggio è attivamente sostenuto dalla Confederazione e dalla sua associazione Anabio, ma riguarda una scelta imprenditoriale dell'azienda, che rimane volontaria, e deve necessariamente essere sostenuta dal punto di vista finanziario, tecnico e di sbocchi di mercato.
Allo stesso tempo, il perseguimento di una sempre maggiore gestione sostenibile dei prodotti fitosanitari in agricoltura non si pone in alternativa a limitazioni d'uso o addirittura al ritiro dal mercato di fitofarmaci per i quali venga dimostrato che possono essere causa di situazioni di rischio, come sta accadendo in questi giorni con il caso glifosato. Quello che gli agricoltori chiedono però è che, nell'ambito della difesa fitosanitaria, si rendano maggiormente disponibili delle alternative praticabili.
">Fonte